ARCHIVIO DIGITALE DELLA BENEDICTA

… O la manutenzione del ricordo

È in fase di costruzione l’archivio on-line www.archiviobenedicta.org, con il finanziamento della Fondazione Social in collaborazione con ISRAL e Università del Piemonte Orientale, un archivio multimediale sui tragici fatti della Pasqua del 1944. In questo archivio digitale saranno contenute testimonianze, documenti, scritti e pubblicazioni che ricondurranno alla cronaca degli episodi che hanno coinvolto il territorio di Capanne di Marcarolo, e l’area tra il genovesato e la Provincia di Alessandria, dall’inverno del 1944 fino all’ aprile del 1945 e che culminarono nell’ aprile del ’44 con il rastrellamento della Benedicta ovvero l’operazione militare organizzata dai comandi militari germanici di Genova e Alessandria sotto l’ insistenza delle forze della neonata Repubblica di Salò che comportò l’ accerchiamento da parte dell’esercito nazifascista delle formazioni partigiane stanziate intorno al Monte Tobbio e il loro conseguente annientamento; testimonianze di un evento tragico, che si inseriscono in quelle, più ordinarie e quotidiane, che riguardano la vita e la storia delle comunità che abitarono il territorio intorno al Monte Tobbio, e il loro rapporto con l’ambiente, con quel patrimonio naturalistico che costituisce oggi il Parco Regionale delle Capanne di Marcarolo.
Siamo agli inizi del percorso: in questa prima fase presentiamo il “contenitore” dell’ Archivio che ospiterà, per l’ occasione, tutti i materiali prodotti per la Celebrazione on-line del 76°anniversario della Benedicta#io resto a casa. La maggior parte di questi documenti oggi dedicati all’ anniversario, insieme agli altri che man mano pubblicheremo sul sito www.archiviobenedicta.org andranno a costituire il nostro archivio digitale che continuerà ad arricchirsi in una prospettiva idealmente illimitata. Scopo dell’ archivio è quello di raggruppare tutte “le memorie della Benedicta” in uno spazio virtuale, memorie lontane e diverse, che connesse in uno spazio comune possano ulteriormente rielaborarsi, arricchirsi e trasformarsi in nuovi percorsi di approfondimento e studio.

La Benedicta in immagini

a cura dell’ANPI di Pontedecimo

Vuoi contribuire all’archivio digitale della Benedicta?
Scrivici!

Contattaci per chiedere informazioni o per scoprire come contribuire all’archivio digitale, inviandoci foto e documenti o per proporci interviste o altri contenuti multimediali

5 + 6 =